lunedì 11 luglio 2016

Il ritorno di Lillo e Peppino (Liu e Peppinu) ... un ghiornu 'i menzu lugliu ...



Lillu e Peppinu comu ogni annu da lugliu fino a fini d'austu si ritrovunu 'a passiata 'a mari mi si fannu quattru chiacchiri supra a situazioni 'i Missina. Lillu abita a Milano da cinquant'anni e Peppinu inveci esti in pensioni da quasi cinq'anni e vive da sempre a Messina. Sittati dinanzi 'a vasca i vanderli come la chiama Pippinu, Lillu o Liu comu u chiamunu l'amici ci dici a so cumpari Pippinu: - Non capiti chiddu c'aviti 'nta stu tesoru 'i città e i terra ... l'autra vota mi scialai cu di braciolettini i spada ... e di quattru custadeddi ... come fate mi bi lamentati sempri .... picchi Pippinu non passati 'u tempu mi bi lamentati a fari quacchi cosa 'pa città chi trovu sempri peggiu ... minchia c'è un fetuni i spazzatura 'nto viali da libbittà -. Peppino risponde: - tu dissi già dec'anni fa 'cca non c'è nenti i fari nuddu pigghia iniziativa e l'unica cosa chi facemu e farci cullare da 'sta cammaria micidiali ... -. Tutto seccato Lio replica: - vi 'nfirriria a moffi ma 'u sintisti chiddu chi succidiu 'nta tangenziali ... tutto 'o scuru, gallerie chi fetunu, viadotti ristretti a 'na cossia non sacciu i quannu ... io quannu tonnu dicu tra mia e mia ... st'annu quannu tonnu trovu u viadotto 'i Ritiru tuttu novu, bellu confezionatu, macché è chiu scassatu 'i l'annu prima ... ma chi fati 'nta sta città inveci mi travagghiati giucati cu ruzzle o candy cresci saga ... nta l'uffici? - Peppinu stoppannu l'amicu e interrompennulu continua: - ouuuu mutu non è vero chi 'cca non cancia nenti avemu u sinnucu tibetanu chi sta facennu un sacchi 'i cosi ... l'autobussu nottunnu pi' figghioli di lidi e a pista ciclabili .... comu chidda c'aviti a Milanu ... - Lio: Pippu non mi inchiri i pila ... ma si nta pista ciclabili ci su i machini in quatta fila e poi è lagga quantu un pittusu i buttigghia ... non canciari discussu ... l'autru ionnu pigghiai 'a tangenziali 'pa 'nnari unni me figghia chi avi a casa a Santusaba 'ma visti cu Diu ... gallerii studati e spatti o ritonnu appa nesciri a boccetta picchi mi dissiru chi u svinculu 'i l' annunziata è ancora chiusu dopo quatt'ranni 'ma ba minati a postu mi travagghati ... Pippu non tu vogghiu 'chiu diri 'cca u Siguri ni desi le più 'ranni meravigghi du munnu e vui ne sapiti valorizzari ... vui comu dici 'a canzoni 'ddurmiti ancora e lasciate che tutto rimanga sempre com'è. Peppinu: - ma chi dici Liu ora fra 'na picca puru o centru faremu a diffenrenziata ... me mugghieri già 'ntrasiu in crisi e mi dissi 'ta poi fari tu sta cosa comu si ghiama differenziazione ... 'nni stamu 'sbigghiannu, ammodernando cu sto sinnucu, tra du anni saremo chiu avanti i Liverpulli. - Lio: - tuttu fumu 'nta l'occhi Pippineddu a Milanu è normali chi l'autobussi e i trammi funzionino anche la notte ... 'ma quann'era picciriddu io era na cosa noomali puru 'cca aunni nui si ti ricordi c'era u notturnu e non facia sulu a litoranea ma tuccava quasi tutti i stradi e i rioni ... quindi quali novità quali liverpulli e quali novità du futuru .... a proposito i futuru cu l'accierri missina comu semu misi? - Peppinu: - Stracuzzi dissi chi 'rruvamu quatti tutt'al più sesti ... - Con fermezza Lillo blocca il suo ottimista amico: - speramu chi non su frasi di circo-stanza picchi io vogghiu tunnari mi mi vidu u missina a Milanu, ricoddu chi quannu vincemmu a San Siro contru 'ddu milan stellari ... mi bagnai u pani'nta l'ufficio ... mi diciunu cu è Zampagna, dopu chi signau tra Nesta e Maldini mi misi o travagghiu a maglia 'i Zampagna e 'i pigghiava pu culu ... bei tempi ... dovete essere esigenti chiedere il meglio dei calciatori disponibili, noi semu u missina no u canicatti ... o Pippu non è chi fati cu palluni comu 'ca tangenziali, 'ca spazzatura e cu tutti l'autri prublemi e cioè chi bi ni futtiti ... - Peppino: - in effetti Liu 'na vota ammenu nto palluni pretinniumu e volaumu iauti non ni bastava mancu a serie B, oggi invece avemu sta magghia e ni basta puru 'a tezza categoria ... ma si vulemu veramenti beni a maglia non aviriumu vuliri a serie A?!?! Io credo che dalle persone a cui vulemu beni pritinnemu u megghiu 'pi 'dda cosa, altrimenti ... non penso chi ci vulemu beni, ma sai 'i cosi canciaru 'cca nta l'uttimi decianni ... si 'fa Filosofia, paroli, fiori, paci in tibet, si nomina il nome du Signuri invanu e autri cosi chi 'cca non ti pozzu diri 'u sai chi 'i mura non hannu orecchi e sentunu. - Lillo: - Pippu tu dicu 'i na vita 'cca 'a genti non voli 'i cosi fatti boni e u megghiu, 'cca a genti si vinni pu un pacchi i pasta ... quannu ci su l'elezioni a missina a Barilla registra n'aumentu i vendita du 100% tant'è chi a Rummo dissi chi voli ntrasiri 'nta stu giru d'affari picchi esti convenienti ... Pippu ora chi anchi nui anziani sapemu usari internetti ... spetta spetta ... a chi bell'aria chi tira 'nta sta batteria masotto ... a Milanu ma 'nsonnu a notti ... sintemuni cu whatsappi, ni mannamu li emeli e cu l'autri appi ... -. Peppinu: minchia Lillu chi parri difficili, stasira mi vidu a frassica cussì mu nsignu magara io internetti ... - Lillo: - ma 'cca aviti a banda lagga? - Peppinu: - ma non tu sacciu diri fossi mancu chidda stritta ... comunque si ai ragiuni n'avemu assentiri cu comu si chiama da speci i telefonu, mu dissi me figghia l'autru ionnu ... ah si u smazzifonni e così ti dicu chiddu chi succedi a Missina, ok? - Lillo: - Si ci sto cumpareddu ... ammenu così ti spronu 'pi canciari missina e mi raccumannu e prossimi elezioni sbagghiati n'autra vota ... non aviti a chiediri a pasta e a pulizia morale ... aviti ddumannari 'i fatti ... l'autostrada, il verde pubblico, la cura dell'arredo urbano, posti i travagghiu pi figghioli e la valorizzazioni du patrimonio artistico, storico, culturali e paesaggistico 'i missina pi fari sodda e dari travagghiu a sti figghiola chi sunnu 'nto menzu a na strada. Comu d'autru fattu chi sintia chi ancora u museo è nchiusu, basta con l'essere 'a barzelletta i tutti ... avemu ritunnari a città megghia d'Italia nto palluni e in tuttu ... chiediamo Pippinu ... u dicia magara u Signuri ... chiedete e vi sarà dato, bussate e vi sarà aperto. -

venerdì 11 marzo 2016

Tra Messina e Foggia c'è Oronzo Pugliese.




L'11 marzo di 26 anni fa lasciava questo mondo per passare a miglior vita Oronzo Pugliese, uno dei tecnici più preparati del panorama calcistico nazionale di tutti i tempi. L'allenatore natio di Turi (BA) allenò sia i peloritani che i satanelli più di mezzo secolo fa e con entrambi i club centrò traguardi importanti; con i giallorossi sedette 4 stagioni non consecutive, nei primi due anni nel ruolo di allenatore/giocatore, raggiungendo nel '49/50 la promozione in B dopo essere subentrato a mister Balicics, mentre con i rossoneri di Puglia realizzò il doppio salto di categoria dalla C sino alla massima serie negli anni 1961/65. Durante l'esperienza foggiana verrà premiato a livello nazionale come miglior allenatore italiano. Egli, con quella matricola di affamati, fu uno dei pochi a battere l'Inter di Helenio Herrera tanto da meritarsi l'appellativo di "Mago". A Messina il Mago di Turi vinse un campionato impensabile sotto la presidenza del Principe Carlo Stagno d'Alcontres. I biancoscudati risulteranno difatti leader indiscussi di quel torneo sotto la guida tecnica di Pugliese che saggiamente riuscì ad esaltare calciatori con il vizio del goal quali: Della Casa e il francese Marchetto che appunto con lui misero in mostra tutto il loro potenziale offensivo straripante. In quella stagione non ce ne sarà per nessuno e dietro al club di Via Dogali numero 20, si classificheranno squadre di tutto rispetto come il Cosenza, la Reggina, il Lecce, l'altra squadra cittadina dell'Arsenale (che vantava una rosa fortissima per la serie C), il Crotone, il Brindisi, il Benevento e il Foggia; insomma fu un successo e un tripudio di emozioni quell'annata fantastica. Vincere non era facile, ma gli uomini guidati dal trainer di Turi erano decisamente di un altro pianeta e una spanna sopra chiunque. Annotiamo tra i ricordi degni di essere menzionati in questo pezzo-armarcord, l'esordio di Fabio Capello con la maglia della Roma per volere del tecnico barese che allora guidava la rosa dei lupi;  fu dunque Oronzo Pugliese a lanciarlo nel grande calcio e a credere nelle sue enormi potenzialità fino ad allora ancora inespresse. 

Un'ultima piccola curiosità invece riguarda il personaggio di Lino Banfi, Oronzo Canà: tale figura fu ispirata proprio al grande Oronzo Pugliese, il quale, lo ricordiamo ancora una volta, resterà uno tra i tecnici più amati di sempre nella lingua di terra che solca le lande tra Foggia e Bari. E quest'anno per uno strano gioco del destino la data della sua morte cade proprio alla vigilia dell'attesissimo match tra siciliani e pugliesi. Chissà quale sarà il suo pronostico per domenica allo Scoglio, lui che ha reso grandi quei club che cercheranno senza esclusione di colpi un posto verso la Gloria. 





lunedì 11 gennaio 2016

Accadde oggi ... l'11 Gennaio del 1962 muore a Porto l'allenatore del Messina György Orth

Accadde oggi ... l'11 Gennaio del 1962 muore a Porto l'allenatore del Messina György Orth



La storia calcistica del nostro Paese ci ricorda che il Messina fu, sin dalle prime battute, una delle squadre protagoniste della neonata serie cadetta (ricordiamo ai nostri lettori che negli anni '20 esisteva solo la serie A come campionato nazionale) e nel torneo di serie B del 1932 dalla decima giornata subentrò, sulla panchina giallorossa, a König Engelbert, György Orth Wirth centravanti titolare della Nazionale Ungherese, atleta che come ci raccontano le cronache del tempo poteva giocare in qualsiasi ruolo in quanto aveva senso della posizione e calciava indifferentemente sia di destro che di sinistro ed inoltre nelle sue giocate metteva in mostra una classe cristallina che lo decretò vincitore con la casacca del Budapest di ben 3 classifiche cannonieri, 8 titoli nazionali,  2 Coppe d'Ungheria e con quella dell' Olympique Marsiglia di una Coppa di Francia. La sua carriera di allenatore, già da quando era un abile attaccante, era segnata, difatti iniziò la sua avventura di tecnico alla tenera età di 29 anni, qualche mese dopo aver appeso le scarpette al chiodo. Fin da quando calcò l'erbetta con i suoi tacchetti, si intravidero in lui innate qualità di comunicatore e leader. Cominciò così, giovanissimo, la sua avventura di coach alla guida della Nazionale cilena ai mondiali del 1930 dove conseguì uno stupefacente secondo posto nel Girone A della Coppa del Mondo. Dopo essersi messo in mostra nel campionato più importante del pianeta, l'anno successivo fu chiamato a guidare uno dei team cileni più conosciuti e blasonati: il prestigioso club del Colo Colo. 


Due anni dopo, l'esperienza esaltante con la Rossa, una società italiana gli diede la possibilità di confrontarsi con il difficilissimo e tattico campionato professionistico nostrano (ricordiamo che gli azzurri in quegli anni erano davvero la nazionale più forte guidati da un grande allenatore come Vittorio Pozzo), quel club, il suo primo club nella penisola italica, fu il Messina che allora, come detto poc'anzi, militava in serie B. L'inizio di quella stagione, parliamo dell'annata 1932-1933, venne vissuta con grande travaglio; in estate, infatti, si succedettero una serie innumerevole di presidenti: da Lombardo, a Turchi, al Barone Salleo, Garufi, Salvatore fino a Scaglione che prese il definitivo comando della ciurma di Via XXVII Luglio per tutta la stagione in corso. In riva allo Stretto il mister natio di Budapest fece bene e bagnò il suo esordio con un ottimo pareggio in casa contro il Livorno (1-1) a soli due mesi dall'inaugurazione dello Stadio di Gazzi, che avvenne il 9 ottobre dello stesso anno e che sul finire degli anni '40 verrà poi intitolato a Giovanni Celeste. 




Dunque, ed è un dato da non dimenticare nella lunga storia biancoscudata, Orth With fu l'allenatore che visse e consacrò lo Stadio di Gazzi (G.Celeste) nel suo primo anno di nascita. Ebbe l'onore di allenare e forgiare una batteria di attaccanti che poche squadre potevano contare in seconda serie come i grandissimi talenti: Re, Corallo, Lumia, Ferretti e Ferrè. Il Messina chiuse la stagione a metà classifica  e tra  le traversie societarie risultò agli addetti ai lavori come una delle squadre che praticava il più bel calcio, infatti era un vanto poter avere nella propria panca il tecnico che solo pochi mesi prima aveva guidato il Colo Colo e niente di meno che la nazionale cilena. Per i motivi elencati venne confermato alla guida dell'Ac Messina anche l'anno successivo. La stagione seguente, il 16 febbraio 1934, nella poltrona più importante del Messina fu richiamato Lombardo ad unanimità popolare per dirigere nuovamente le fila biancoscudate al posto dell'uscente Scaglione. 



Nel campionato 1933/1934 il Messina di Orth terminò la stagione con un eccellente 5° posto sfiorando l'ammissione alle finali promozione. In serie A quell'anno andò la Sampierdarenese dalle cui ceneri un decennio dopo nascerà la Sampdoria. Quelli con il mister budapestiano furono 2 anni intensi e meravigliosi per il club giallorosso e i tifosi poterono ammirare ed assistere ad un gioco di ottima qualità e ad elementi, sopracitati, che facevano delle geometrie e del bel calcio il loro cavallo di battaglia. Conclusa la parentesi piacevole e di alto livello con i peloritani, Orth ebbe una lunga ed importantissima carriera; allenò club importanti come il Pisa, il Genoa, il Norimberga, il Metz, il San Lorenzo (la squadra di Papa Francesco), il Rosario Central, la nazionale messicana e quella peruviana ed infine il blasonato club lusitano del Porto e proprio nella cittadina portoghese si spegnerà l'11 Gennaio del 1962. Grazie Mister György, se in questa città il Calcio è pane quotidiano e la sua gente possiede palato fine e se ne intende di football il merito è anche suo che ci ha iniziati nel calcio che conta e ha internazionalizzato la nostra conoscenza dello sport più amato al mondo. I nostri nonni c'hanno tramandato tutto questo e noi non ci dimenticheremo mai di lei, del mitico György Orth Wirth. 





sabato 12 dicembre 2015

Accadde Oggi ... il 12 dicembre del 1866 sorge Messina Centrale

Accadde oggi ... Viene inaugurata a Messina il 12 dicembre del 1866 la prima stazione ferroviaria della città dello Stretto.

Accadde Oggi ... il 12 dicembre nasce l'ala bomber del Messina Renato Ferretti



Accadde oggi ... 
Nasce ad Alessandria il 12 dicembre del 1907 il secondo bomber più prolifico di tutti i tempi del Messina Calcio, stiamo parlando del centravanti Renato Ferretti che con un totale di 89 goal in giallorosso è dietro di pochissime reti soltanto a Totò Schillaci che in biancoscudata collezionò ben 93 marcature.

Renato Ferretti è anche il nono calciatore con più presenze in casacca messinese. Il talento piemontese arrivò a Messina nella stagione 1930-31, proveniente dalla Vogherese e con la maglia dell'A.C. Messina conquistò la promozione in serie B al termine della stagione 1931-32. Esordì in cadetteria il 18 settembre 1932 in Pola-Messina 0-0 e il primo goal lo segnò invece nella gara pareggiata 3-3 a Pistoia, il 2 ottobre del 1932. Ferretti giocò in riva allo Stretto per sette stagioni consecutive, dal 1930 al 1937. Il suo mancino elegante era scolpito nelle menti dei nostri avi che di Renato ne erano letteralmente estasiati, ma il goleador non era amato solo tra gli uomini, bensì anche tra le donne dell'epoca che erano letteralmente ammaliate dal fascino dell'ala sinistra/punta del Messina. Fu nella stagione 1946-1947 anche allenatore dell'ultima AC Messina, difatti l'anno seguente dopo la fusione con alcune realtà locali nascerà l' ACR Messina. Subentrerà ad Oronzo Pugliese e con cuore e grande caparbietà salverà i peloritani compiendo un autentico miracolo calcistico. Possiamo affermare, senza alcun dubbio di essere smentiti che Ferretti per la Messina degli anni '30 rappresentò in campo e fuori dal campo quello che Arturo Di Napoli significò nella nostra città nei primi del 2000. Infine ricordiamo che esordì nel Messina in serie C il 28 settembre del 1930 in Savoia - Messina 1-2 dove realizzò anche la sua prima rete in biancoscudato, mentre l'ultima partita la disputò il 4 luglio del 1937 in Messina - Catania 2-0.

martedì 1 dicembre 2015

Accadde Oggi ... Il 1° dicembre del 1900 nasceva il Messina.

Oggi il Messina compie 115 anni, difatti il primo club di calcio a nascere in città è l' F.C Messina il 1° dicembre del 1900. La prima società a dare lustro in riva allo Stretto a quello che era conosciuto come Football fu voluta fortemente dal peloritano Alfredo Marangolo che ebbe l'intuizione di coinvolgere e mettere insieme i ricchi imprenditori cittadini, quasi tutti di estrazione inglese, al fine di creare una società calcistica che rappresentasse nel nascente sport la bella e ridente Messina. Il giovane messinese era appena tornato da un lungo soggiorno londinese in un college e aveva scoperto in quei luoghi questo nuovo sport che univa come colla nobili, borghesi e popolo. Egli aveva portato con sé alcuni manuali con le regole del gioco, un pallone di cuoio, alcune scarpe, una divisa da arbitro ed una da gioco. Crediamo che se un giorno, speriamo non molto lontano, si volesse realizzare un museo del Messina al suo ingresso si possa collocare in stile inglese una statua del Marangolo senza il quale sicuramente il calcio a queste latitudini non sarebbe diventato qualcosa di viscerale e di così preponderante. Il presidente era il facoltoso possidente e armatore navale Walter Becker della società marittima "Becker, Peirce e Ilardi", mentre il vicepresidente era il console statunitense Charles M. Caughy. Il segretario della squadra era un altro benestante socio della società agrumaria "William Sanderson & Sons", il cui nome era Walter Oates. Gli altri consiglieri erano i seguenti: Horace Gooding (inglese appartenente ad una famiglia di commercianti e cognato di George Francis Rowlett), W. May, Alfredo  Marangolo (di cui sopra), Giulio Arena Ainis, J. Giorgianni, il conte G. Lovatelli. Soci onorari erano invece: William Robert Sanderson (proprietario della famosa azienda di agrumi sopracitata), lo svizzero di origine danese
F.L. Padgett
Guglielmo Sarauw (
titolare della fabbrica di derivati agrumari "Baller & C.), George Oates, Herbert Oates, Edward James Eaton e il tedesco Eduard Jacob. Tra i consiglieri della squadra c'era anche l'allenatore, capitano e giocatore Padgett che, tra gli appartententi al club, era quello che possedeva maggiori competenze calcistiche. Tra le altre persone che dirigevano il sodalizio dal punto di vista tecnico vi era anche il reverendo anglicano Charles Huleatt che due anni dopo diventerà egli stesso allenatore-giocatore, ma anche preparatore atletico del Messina con ottimi risultati. Quest'ultimo era uomo noto e conosciuto in tutto il mondo per avere scoperto e rinvenuto in Egitto alcuni papiri, noti come "Apocrifi", sulla Vita di Gesù e dei suoi Apostoli i quali diverranno argomento di dibattito culturale e letterario a livello mondiale. Egli non lasciò discendenti a Messina poiché egli stesso con tutta la sua famiglia perì sotto le macerie del disastroso terremoto del 1908. Fu anche il primo pastore cristiano a vestire i panni di allenatore e giocatore di calcio. Inoltre il sacerdote anglicano viene ricordato come promotore – insieme a J.B. Heynes, Horace Gooding, Frederick H. Thomas – del “Circolo Scacchistico” che, assieme a diversi altri circoli sportivi vedeva la partecipazione da protagonisti di alcuni membri delle colonie straniere cittadine.



I colori sociali del primo Messina erano diversi da quelli attuali: maglia bleu, calzoncini bianchi e berretto bianco e bleu. Si avete capito bene allora i calciatori scendevano in campo con il cosiddetto "CAP" in testa. Tale capo d'abbigliamento non era oggetto esclusivo dei portieri. Il campo di gioco del primo Messina fu il San Raineri nell'omonimo rione di Messina a ridosso dell'antichissima cittadella spagnola, per capirci dove oggi c'è la stazione marittima. Il primo team peloritano fu composto dai seguenti 11: Marangolo G., Pappin, Way, Huleatt, Padgett (K), Giulio Arena Ainis, Vaccaro, Greco, Falorsi, Crisafulli, W. Oates.



Auguri Messina, buon 115° compleanno!



lunedì 30 novembre 2015

Da oggi ci sono anch’io

Riceviamo nella nostra casella di posta elettronica una bellissima missiva di un nostro lettore e non abbiamo esitato un attimo a pubblicare questa toccante testimonianza che Valerio, con parole semplici e profonde allo stesso tempo, ci ha voluto oggi raccontare nel post Messina - Juve Stabia. Da questa lettera si comprende come la dirigenza stia facendo davvero un ottimo lavoro.  


Da oggi ci sono anch’io
Impressioni di un profano del calcio per la prima volta allo stadio


 “Che libidine quando perdo. La sconfitta mi esalta e mi fa assaporare stimoli insostituibili.”  

Diceva così uno dei più grandi allenatori che abbia mai avuto il mio Messina, l’indimenticato “Professore”  Franco Scoglio. 

Ieri, allo stadio San Filippo, non vi è stata una vera e propria sconfitta: parlerei, al contrario, di uno scontro agguerrito tra due squadre di grande qualità. Il Messina da una parte e la Juve Stabia dall’altra.  Scontro agguerrito si, ma nel pieno rispetto reciproco delle regole. Non si è visto nulla di tutto quanto avviene nel “calcio che conta”, nelle categorie superiori, nel calcio delle grandi squadre e delle grandi società. L’intero incontro si è svolto in una cornice accogliente, e in un clima di serenità e distensione che attrae le famiglie e i più piccini.
Per me era la prima volta. La prima volta in tutti i sensi. Non avendo mai visto una partita di calcio dal vivo, seduto sugli spalti, mancava dentro di me l’esperienza diretta. Solo la gara dal vivo può darti quegli strumenti tali per poter valutare obiettivamente a 360° l’avventura che la nuova società sta prospettando agli instancabili e pazienti tifosi della squadra dello Stretto. 

La mia avventura, come ovvio che sia, è ancora allo stadio embrionale, avventura che si svilupperà nei prossimi mesi, avventura che è, ancora, all’alba del suo exploit e concede di vedere solo qualche raggio di luce. Come i pochi raggi di sole che ieri hanno illuminato il  mio primo pomeriggio tra i tifosi al San Filippo. Spiragli di luce che però hanno amplificato in me tutti i sensi: l'olfatto ad esempio; l’odore inebriante dell’erba che si levava ad ogni sbuffo di vento è stato indescrivibile. Così come la vista nell'osservare gli 11 ragazzi in calzoncini sputare sangue fino al novantesimo o l'udito che ha reso in me nitide le urla dei ragazzi che si sostenevano tra di loro in campo e quelle dei tifosi che in curva con cori prepotenti e rumorosi non smettevano mai di inneggiare i propri beniamini.
La presenza folta di giovani e bambini tra i sedili della gradinata (tribuna B) o tra le braccia dei loro genitori e i commenti del tifoso accanto, sempre puntuali e corroborati da una gestualità irripetibile e singolare, hanno reso il mio primo pomeriggio al San Filippo qualcosa di indimenticabile che ho voluto ribadire con questa mia lettera al vostro blog.  

Questo è tutto ciò che non si avverte attraverso il televisore o nella diretta in streaming,  seduti comodi sul divano di casa. Questo è tutto ciò che ho provato io, in prima persona, un’esperienza arricchente sotto ogni profilo, un desiderio soddisfatto ma non estintosi in quelle due ore di spettacolo puro. Un desiderio che voglio continuare ad alimentare.
Ieri il San Filippo non era pieno come mi aspettavo, anzi. I numeri ufficiali, diffusi post partita, dichiarano come la gran parte dei messinesi preferisce rimandare la propria presenza, forse perché non ancora consapevoli di quanto sta avvenendo nel mondo calcistico, in pieno fermento, della nostra città. Ieri al San Filippo c’ero anch’io e sicuramente sono l’ultima persona che può esprimere un giudizio tecnico, una valutazione tattica o una considerazione strategica. 
Posso però dire di essermi divertito! E affermo ciò senza retorica o frasi di circostanza, posso ribadirlo con certezza e credo che il calcio, per questa città, possa costituire davvero il volano di una nuova ricrescita, di un rilancio delle coscienze che ormai sono in crisi. Ripartire dal calcio vuol dire ripartire dalla base, dall’essenziale, vuol dire riconfermare quell’ immagine che la storia ci ha consegnato più volte, di una Messina triste, abbattuta, indifesa, gettata in un angolo e decisa però a non gettare mai la spugna.

Io ci credo, ancora una volta, pur avendo tutte le motivazioni per non farlo. 
Credo che questa sia veramente la volta buona.

Valerio La Torre



lunedì 26 ottobre 2015

C'era la prima volta ... al San Filippo.

C’era la prima volta ... al San Filippo!

Chi solitamente assiepa i gradoni, i seggiolini o le poltroncine di uno stadio è abituato a sentire grida, urla, canti e vedere giocate impossibili dei calciatori e il clima di festa che si respira dentro quella scatola magica chiamata Stadio. Un’abitudine che non porta assuefazione perché, come dicono i ragazzi della Sud, “è una malattia che non va più via”, ma chi non è mai entrato in uno stadio e decide per un motivo o per un altro di seguire a 30 anni la sua squadra del cuore, per la prima volta dal vivo, che sensazioni prova? E’ la domanda che mi frullava in testa stile mix di vitamine quando ho conosciuto ieri sera Sebastiano S. in un locale del centro davanti ad un arancino, un pidone ed una birra Messina. Ho subito pensato che avevo davanti quello che cercavo per comprendere il perché i miei concittadini in questi anni si erano disaffezionati alla squadra della loro città e per comprendere soprattutto il vero motivo del perché molti altri invece, come Sebastiano, non si sono mai avvicinati al calcio fino ad oggi. Avevo finalmente dinanzi a me la risposta ai miei tanti perché e così, chiedendo al cameriere un altro arancino al ragù, lo bloccai e gli dissi di raccontarmi tutto in quanto volevo fare un articolo per far conoscere a tutta la città cosa si prova in età adulta a riscoprire sapori e odori mai percepiti fino ad allora. Lui era contento di potermi(ci) aiutare e davanti a quei chicchi di riso fumante di carne macinata e buonissima tuma che nessuno sa cucinare come noi messinesi, mi ha stretto la mano ed ha accettato di registrare le emozioni di questa sua nuova avventura non da c’era una volta, ma da c’era la prima volta … al San Filippo. Si inizia … e con un cin cin provocato dalle Birra Messina che avevamo in mano partì tutto … Seba da quanti anni segui il Messina e come mai ti sei avvicinato solo adesso alla tua squadra, cosa ti spingeva a non andare allo stadio prima?  Ho seguito il Messina di Aliotta, che l'ha portato ad essere il grande Messina che è arrivato fino alla A, a combattere con corazzate come Inter e Milan...poi, come probabilmente altri messinesi, l'ho seguito con un pò di distacco, a distanza, non perché la squadra non lo meritasse, ma perché per come sono maturate le vicende sportive credo che alcune gestioni abbiano distrutto la passione che aveva coinvolto in quegli anni Messina e provincia. Quando lo sport viene sopraffatto da altro, non è più sport, e la passione purtroppo si tramuta in sdegno. Chiarissimo, nuovo amico giallorosso, da quello che ho capito stasera è stata la tua prima LIVE; quali le differenze tra la tv o il pc, dove abitualmente seguivi i giallorossi, e il poterla finalmente ammirare di presenza? - Prima di ieri non ero mai andato allo stadio, forse per l'immagine di violenza che spesso viene accostata allo sport del calcio, cosa che per qualche motivo non avviene in altre discipline, come la pallavolo, il basket o il nuoto, o la pallanuoto che è degnamente rappresentata nella nostra città, ma come ha più volte detto il Presidente Stracuzzi, "lo sport deve unire e non dividere", ed è una visione che sposo al 100%. E’ fantastico vedere campionati come la Premier League, in cui le famiglie con i bambini vanno tranquillamente allo stadio a godere dello spettacolo che questo offre. 
Vedere la partita Live piuttosto che dalla Tv o dal PC è stata una cosa sensazionale, sai, fa strano non sentire la telecronaca o non vedere i replay delle azioni più significative, però vivere le emozioni dal vivo è tutta un'altra cosa! Le vivi davvero! Ciò che più mi ha impressionato dal vivo e che non avevo mai udito nella mia vita è stato l'urlo della curva, che si sentiva rimbombare ,come se anche la nord fosse occupata dai tifosi. Incredibile come questo pidone che stiamo mangiando - … altro rustico peloritano che nel mentre avevamo ordinato e alla velocità della luce ci avevano portato al tavolo, perché non sazi dell’arancino di prima, e visto che la discussione si stava facendo avvincente. Al primo morso del fantastico panzerotto ripieno di scarola e acciughe e ogni altro ben di Dio mi venne in mente un’altra domanda estemporanea … Visto che tu sei tra quelli che hanno deciso solo adesso, con il corso della nuova società, a diventare un assiduo frequentatore del San Filippo, come cercheresti di convincere altri tuoi amici a seguirti per vedere la biancoscudata? Ora non ci allarghiamo … assiduo … non so, spesso dipenderà anche dai miei impegni, dal lavoro, ma quando ne avrò la possibilità ci sarò anche io a tifare per il Messina e lo farò con piacere! Ho scoperto ieri che vedere la partita con persone che amano il calcio e la propria squadra è sicuramente più bello e ha un sapore e un fascino tutto particolare! Per convincere gli altri a seguire la squadra, forse funzionerebbe lo stesso metodo che è servito con me: comprendere quanta passione ha questa dirigenza, in particolare la famiglia Stracuzzi a cui sono molto vicino, ma anche la passione e la forza che mettono i gladiatori in campo … sì tutti questi fattori di fondamentale importanza hanno messo in me la voglia di seguire il Messina dal vivo..come tutte le passioni, solo chi
le vive riesce a trasmetterle e a coinvolgere gli altri. Ottima risposta … si è come dici tu "compare giallorosso", conosciuto davanti a sto supplì e a sto pidone fatti dal Cielo, questa me la segno è una bella massima da lasciare ai posteri biancoscudati … come hai detto quindi “Solo chi le vive, le passioni, riesce a trasmetterle e a coinvolgere gli altri”? Condivido, ma a proposito di passioni volevo domandarti: cos'ha questo Messina che i precedenti non avevano per darti quella carica passionale che ti ha permesso di entrare finalmente nel tuo stadio, il campo che prima non avevi mai calcato? Guarda, questo Messina ha la voglia di far bene, la voglia di dimostrare che questa società può fare grandi cose. La dirigenza ha lavorato bene e i risultati si stanno vedendo in campo. I ragazzi smettono di combattere solo quando l'arbitro fischia la fine della partita. Sono cose che nelle ultime stagioni non si sono mai viste e questo mi ha convinto a entrare finalmente in questo stadio che per me, che non c’ero mai stato, posso dire che è sensazionale!!! Poi, illuminato in notturna ha un fascino speciale. Mentre salivo e raggiungevo l‘ingresso della tribuna, si intravedeva su un lato il prato e la prima cosa che ho pensato è stata semplicemente wow!


martedì 21 luglio 2015

Boris Giuliano uno di noi!


Boris Giuliano uno di noi!




Boris qui nella perla del Peloro tu frequentasti tutte le scuole di ordine e grado fino alla laurea in giurisprudenza. Qui sei cresciuto cullando ideali di onestà e virtù eroiche ed è per questo che i veri messinesi non ti dimenticheranno mai. Non ti dimenticherò io vista la tua vita spesa al servizio del prossimo, tu che sei morto nel mio stesso anno di nascita. Addio Vero uomo e Vero Eroe…






Figlio di un sottufficiale della Marina militare, passò al suo seguito una parte dell'infanzia in Libia, ove il padre era di stanza. Più tardi la famiglia rimpatriò, stabilendosi nel 1941 a Messina, dove Giorgio Boris studiò sino alla laurea; durante il periodo universitario giocò a pallacanestro in Serie B con il CUS Messina  (testo tratto da Wikipedia)

Raccontava suo fratello Emanuele che fu uno dei primi ragazzi a Messina ad avere un paio di scarpe da basket “All stars”, regalatogli proprio da un marinaio americano. 

Fu sempre in quegli anni di Messina che conobbe sua moglie, Maria, con cui si sposò nel 1961. Dopo il matrimonio la coppia andò a vivere a Milano, dove Giorgio Boris, grazie anche alla sua conoscenza dell’inglese, aveva trovato un impiego in un’azienda di materie plastiche. 


Tuttavia, scelse di fare il concorso per Commissario di Polizia e, quando lo vinse, rinunciò ad uno stipendio certamente superiore ed andò a Roma a frequentare un corso di sei mesi, al termine del quale, nel 1963, fu assegnato alla Questura di Palermo e, dopo qualche tempo, su sua insistenza, alla Squadra Mobile.

Infatti, nel giugno di quell’anno, sette persone, tra cui poliziotti e carabinieri, furono uccise a Ciaculli (PA) dall’esplosione di una Giulietta carica di tritolo e Giorgio Boris Giuliano, giovane ed entusiasta, voleva fortemente dare il suo contributo per quella che cominciava ad essere una vera e propria guerra mafiosa contro lo Stato.


Boris Giuliano è stato uno dei più grandi investigatori italiani… Boris il tuo insegnamento, la tua allegria e la tua onestà sono ideali che i veri messinesi si porteranno sempre dentro al loro cuore per migliorare questa città. Grazie Boris … Addio Boris … 







“LA GRANDEZZA DI QUESTI UOMINI, NON STA NEL MODO IN CUI ESSI SONO MORTI, MA NEL MODO IN CUI ESSI HANNO VISSUTO”.


Alcuni Link su Boris:

- https://it.wikipedia.org/wiki/Boris_Giuliano

- http://www.legalitaegiustizia.it/biografia/boris-giuliano/

mercoledì 20 maggio 2015

Mastroieni, Di Costanzo un grande allenatore, abbiamo tutte le carte in regole per vincere lo spareggio



Tanino Mastroieni non ha bisogno di presentazioni, a Messina è conosciutissimo non solo per il talent di Agon Channel, ma soprattutto per i suoi trascorsi nelle giovanili del Messina e per aver esordito tra i professionisti qualche anno or sono con la casacca biancoscudata della sua città. Adesso che il programma televisivo, che prometteva al vincitore un contratto con una squadra londinese di terza divisione, è terminato abbiamo voluto catturare impressioni, aneddoti e momenti indimenticabili dell'esterno sinistro peloritano il quale ci ha concesso gentilmente questa intervista mettendosi a nudo sulle settimane trascorse a Londra e richiamando all'appello la gente di Messina a gremire gli spalti del San Filippo per lo spareggio playout di giorno 30.

Il talent di Agon Chanel è terminato hai rimpianti per non aver vinto? Il talent di Agon Channel è terminato si è vero e mi sono reso conto non vivendo più a Londra, così all'improvviso, dopo cinque mesi abbastanza intensi, che non ho assolutissimamente rimpianti anzi sono soddisfatto di tutto quello che ho fatto sopratutto del gratificante risultato che sono riuscito ad ottenere. Anche se sono tornato a casa senza il contratto, questa stupenda esperienza mi ha fatto crescere tanto come uomo. Sono ritornato in città felice e per me questi giorni trascorsi al talent sono comunque una vittoria personale che mi inorgoglisce, rifarei tutto, soltanto di una cosa sono pentito amaramente: il travaglio interiore e le vicissitudini della settimana concernente l'eliminazione. Ho sbagliato in quanto mi sono fatto trasportare da gente che vuole il mio male e così ho avuto una reazione negativa e non corretta soprattutto con le persone della redazione alle quali chiedo ancora oggi scusa pubblicamente.  Per questo motivo ringrazio Simona ventura e tutta Agon Channel per avermi richiamato dopo solo due settimane nel programma e fortunatamente sono stato ripescato. Da quel momento in poi mi sono esclusivamente immedesimato nel gioco sino alla fine senza perdermi d'animo riprendendomi tante rivincite. Da questa esperienza il bagaglio che ti porti dentro contiene più cose positive o negative?  Di certo sono di più le cose positive, non potrò mai dimenticare tutti i consigli che il Mister Angelo Gregucci mi ha dato ogni giorno, così come non potrò dimenticare anche quanto di buono mi hanno saputo regalare i miei compagni di squadra. Mi ha riempito d'orgoglio aver avuto la possibilità di parlare e confrontarmi con gente come Simona ventura, Fulvio Collovati, Nicola Berti, Fabio Galante e Matteo Materazzi. Credo che tutto ciò non mi capiterà mai più nella vita, da loro ho ricevuto tantissimi suggerimenti che sicuramente conserverò dentro di me e utilizzerò nella vita quotidiana di tutti i giorni perché prima di realizzare il sogno di calciatore è prerogativa fondamentale essere veri uomini. Le esperienze negative mi hanno semplicemente fatto comprendere che nella vita bisogna sempre contare fino a 10. Ho interiorizzato che prima di  rispondere bisogna attendere e non reagire d'istinto. Tanino Mastroeni è cresciuto quindi prima come uomo e poi come calciatore in questi mesi fuori casa? Si è così e lo ribadisco, lasciare la propria famiglia, gli amici per andare a convivere con degli sconosciuti credo che non sia mai facile. Ma anche come calciatore mi sono perfezionato parecchio. Londra mi ha dato la possibilità di maturare non poco in questi  mesi calcisticamente grazie alla bravura di Mister Angelo Gregucci, una persona davvero disponibilissima dalla quale quotidianamente ho sempre appreso concetti nuovi. Il mister fa parte di quei tecnici che hanno scritto pagine di calcio vero ed è stata una emozione indescrivibile lavorare con lui  fianco a fianco. Lo porterò per sempre nel mio cuore. Quali sono, nell'immediato i tuoi progetto futuri? Per il momento cerco solo di godermi le persone a me più care: la mia famiglia e la mia ragazza con la quale stiamo cercando di costruire una famiglia. Per un po' terrò la spina staccata dal calcio, ma i miei sogni non li chiuderò sicuramente in un cassetto. Tu credi ancora di poter frequentare il calcio professionistico? Non nascondo che in tutto il percorso del talent ho sempre dimostrato di avere qualità, passione e capacità. Il giorno della finale vidi una persona incamminarsi verso di me, egli si presentò con parole di elogio, sto parlando di Tramezzani ex calciatore dell'Inter che oggi lavora x la nazionale albanese come vice di De Biasi. Mister Paolo mi ha fatto diversi complimenti e mi ha chiesto se mi farebbe piacere giocare in qualche squadra ed ovviamente la mia risposta è stata un secco si. Spero che quest'estate arrivi finalmente qualche chiamata importante anche da parte sua. Ti senti pronto per rimetterti in gioco anche in Italia?  Certamente come ho già fatto qualche anno fa, facendo tutta la trafila a Messina dal settore giovanile alla prima squadra. Esordire in serie B con la maglia della propria città credo che sia il sogno più bello di ogni atleta. Se non sono riuscito però ad ottenere tutto ciò che ho sempre sognato evidentemente ho dato meno di qualche altro calciatore, ma oggi con grande determinazione sono ancora qui a dimostrare il mio valore  perché so di avere talento. La speranza è l'ultima a morire. Il 30 il Messina giocherà lo spareggio, ci sarai al San Filippo, pensi che i giallorossi di Di Costanzo riusciranno a restare in serie C? Si sarò al San Filippo per vedere lo spareggio del Messina sarò come sempre in curva e anch'io cercherò di dare il mio contributo dagli spalti insieme ai tanti tifosi del Messina che come me amano questa gloriosa maglia. Spero che tutto vada come deve andare, io sono abbastanza fiducioso di questo Messina è una buona rosa e sono sicuro che abbiano tutte le carte in regola x vincere questo spareggio che significherebbe permanenza in Lega Pro. Restare in questa categoria è fondamentale se si vuole continuare a fare calcio di un certo livello a Messina. La nostra è una città che merita molto di più di una semplice lega pro e piano piano sono convinto che torneremo anche noi a riprenderci tutto ciò che ci spetta, perché lo meritiamo. Abbiamo una tifoseria calorosa come poche e speriamo sabato 30 di fare il tutto esaurito. Di Costanzo è un grande allenatore sono sicuro che farà di tutto dalla panca per regalarci questa salvezza. Il Mister fu l'allenatore che mi fece esordire in serie cadetta nell'ultima gara di campionato. Quell'anno facemmo abbastanza bene ed il suo lavoro meticoloso fu importante anche se poi vanificato dalla mancata iscrizione. Per sabato 30 sempre e comunque forza Messina e tutti allo stadio. 

mercoledì 8 aprile 2015

Il football a Messina: Molto rumore per nulla.

Tanto rumore per nulla attorno al football cittadino a mio avviso. Relax, amici,  troppe parole a vuoto vorticano in un frastuono inutile che ha il sapore dell'aria fritta. È proprio vero che questa città è la città di Shakespeare: " Much Ado About Nothing" diceva il Bardo con le mani in tasca passeggiando vicino al piano della giudecca ... Questa è la classica commedia in salsa messinese. Se facessimo i fatti a Messina invece di fare molto rumore per nulla ... non saremmo in queste tragicomiche situazioni dal tipico gusto peloritano.

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

GRAN MIRCI

GRAN MIRCI
TUTTO SULLA STORIA DI MESSINA

Segui Granmirci.it su TWITTER

GRANMIRCI.IT (TWITTER)

Google+ Badge

Google+ Followers

Instagram

Instagram

Youtube